NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

Pet Therapy: gli animali rallentano il declino cognitivo degli anziani

pet-therapy-anziani-animali-benefici-saluteAvere un animale domestico di cui prendersi cura rappresenta un valido supporto per le persone sole ma quello che ci si chiede è se in età più anziana questi benefici possano essere minori rispetto agli impegni che invece ciò comporterebbe. Gli studi a tal riguardo sono numerosissimi e tutti sembrano essere giunti ad un'unica conclusione: accudire e prendersi cura di un animale a quattro zampe rallenterebbe il declino cognitivo degli anziani, arrecando benefici tanto sulla salute fisica quanto su quella psicologica.

Accudire un cane non solo allontana lo spettro della solitudine, ai giorni d'oggi sempre più causa di preoccupazione e malessere per le persone più in là con l'età, ma comporta una serie di benefici dovuti al fatto che avere un impegno quotidiano rappresenti un modo per tenersi occupati, svolgendo e ricordandosi mansioni ogni singolo giorno. Giuseppe Alfredo Iannoccari, docente in neuropsicologia alla Statale di Milano e presidente dell’associazione Assomensana, spiega che, dal punto di vista intellettivo e cognitivo, avere con sé un animale aiuta a tenere la propria mente costantemente allenata e vigile, con un focus particolare sulle capacità di attenzione, sulle abilità di esecuzione, che consistono nel programmare ed organizzare i compiti giornalieri, sulla capacità mnemoniche verbali, che comprendono i nomi dei prodotti o farmaci che servono per la cura quotidiana dell'animale a quattro zampe, sulla memoria prospettica, vale a dire la capacità di prefissarsi e portare a termine impegni futuri, e, per terminare, sulla capacità di gestire le proprie emozioni in relazione con quelle che sono tipiche degli esseri animali e che sono completamente diverse dalle nostre. Si tratta di uno stimolo continuo a cui la mente dell'individuo viene continuamente sottoposta e ciò non può che comportare grandi benefici in termini di allenamento psico-fisico.
Solo in Italia si contano 60 milioni di animali domestici all'interno delle case degli Italiani, di cui 7 milioni sono cani e 7,5 milioni sono gatti; l'accoppiata animale-anziano sembra funzionare perfettamente, ma è necessario prestare le giuste attenzioni alle necessità di entrambi. Basti pensare al fatto che un cucciolo animale ha una vitalità molto più elevata rispetto ad un anziano che potrebbe riscontrare così delle difficoltà nella sua gestione quotidiana. In casi come questo, è forse più idoneo prendere con sé, dai vari canili presenti sul nostro territorio, cani di età più adulta.
Un altro studio, pubblicato su Veterinary records del British Medical Journal, rivela che accudire un animale ammalato (specie se questo è oramai parte integrante della famiglia) può generare i medesimi problemi di ansia o depressione che possono riscontrarsi nelle persone che si prendono cura di pazienti umani. Ancora una volta viene dimostrato come l'empatia che si crea tra esseri umani ed animali influisca di molto sullo stato di salute psico-fisica di entrambi e, in caso di persone anziane, può rappresentare un ottimo modo per tenersi costantemente in forma, sia dal punto di vista cognitivo che fisico.

La fonte: La Stampa

 

 <<TORNA A TUTTE LE NEWS

 

Patrocini 2015

   Unimib Logo     Omceoomceoroma

            

          

Con la partecipazione di