Cromopuntura

Cromopuntura

2018-04-04T10:52:51+00:00 30 novembre 2016|
  • cromopuntura-colori-salute-medicina-alternativa

La Cromopuntura è una forma innovativa di agopuntura che utilizza fasci di luce colorata al posto degli aghi. La tecnica nasce da una geniale idea del ricercatore tedesco Peter Mandel e si basa sull’irradiazione di luce colorata mediante l’uso di uno specifico apparecchio, dotato di generatore, conduttore e lente cromatica indispensabile per far filtrare la luce. Le irradiazioni di luce non vengono proiettate a caso, bensì su determinati punti della pelle per un minimo di 30 secondi sino a un massimo di un minuto. Il concetto fondamentale alla base di questa pratica è quello dei meridiani della Medicina Tradizionale Cinese. Stando a quanto affermato da Mandel, il nostro corpo è invaso da linee energetiche verticali, chiamate meridiani, da nove linee orizzontali e da altrettante posizionate per diagonale. I meridiani, incentivando i recettori della pelle, operano come un sistema conduttore di luce ed attivano i processi reattivi del sistema nervoso e di quello endocrino (ormonale). L’incrociarsi di queste linee provoca degli squilibri energetici su cui la cromopuntura va a lavorare, basandosi su tre colori, il giallo, il rosso e il blu. È risaputo che la lunghezza d’onda della luce si fa portatrice di una specifica informazione, pertanto, al variare della lunghezza d’onda, varierà anche l’informazione. La luce di colore trasmette l’informazione per mezzo della cute e così facendo le cellule vengono riarmonizzate, l’equilibrio energetico originario che era andato perso a causa di uno scorretto e poco sano stile di vita o delle patologie, viene recuperato (omeostasi).cromopuntura-colori-salute-medicina-alternativaLa cromopuntura è caratterizzata da un approccio fortemente olistico, pertanto tenderà a considerare l’essere umano nella sua globalità di mente, corpo e spirito; di conseguenza, non permetterà di curare esclusivamente il sintomo della patologia ed il disturbo fisico, bensì andrà a lavorare sulle alterazioni informazionali, risultando efficace anche per i problemi psicologici ed emotivi.
La Cromopuntura trae origine dalla fisica quantistica contemporanea e spiega la sua efficacia basandosi sugli studi del biofisico Fritz A. Popp. Questa disciplina vanta di una casistica clinica di tutto rispetto e trova il suo fondamento negli studi e nelle ricerche effettuate dal medico oncologo Ryke Geerd Hamer, iniziatore di quella che è conosciuta in tutto il mondo come la Nuova Medicina.
Si tratta di una tecnica energetica di bilanciamento e ripristino dell’equilibrio, appartenente al più vasto sistema curativo chiamato Medicina Esogetica; fa proprie le informazioni di diagnostica e trattamento tipiche della medicina orientale e al contempo si riallaccia alla conoscenza scientifica convenzionale ed allopatica. Questa terapia incentiva il potenziale dell’essere umano di auto-guarigione e di auto-regolazione; è indolore, non invasiva, priva di reazioni collaterali e può essere accompagnata da qualsiasi altra terapia. Molte volte si ricorre alla cromopuntura per alleviare gli effetti collaterali di trattamenti molto più invasivi tra cui la stessa chemioterapia ed altre metodologie di cura usate in oncologia.
La cromopuntura risulta particolarmente efficace per il ripristino dell’equilibrio delle funzionalità ormonali, attraverso una netta riduzione dei livelli di stress, per la disintossicazione dell’organismo, per il rinforzo delle difese immunitarie, per l’eliminazione delle tossine e dei grassi, per l’aumento della forza dei capelli, delle unghie e dei tessuti in genere. Le funzioni della cromopuntura si dimostrano essere innumerevoli e, mediante una semplicissima penna ottica, stimolano e regolano il flusso del Qi (energia vitale) e forniscono informazioni, mediante una specifica lunghezza d’onda, al sistema endocrino e a quello nervoso, i quali, estremamente indeboliti a causa del disturbo patogeno, le inoltrano a loro volta al corpo, cercando di rigenerare l’armonia e di ristrutturare le cellule che hanno causato lo squilibrio energetico. Il colore può, in una qualche maniera, compensare gli squilibri e le alterazioni vibrazionali proprio perché, a sua volta, è un’onda elettromagnetica caratterizzata da una propria e specifica frequenza vibrazionale.
Possiamo spiegare meglio il tutto facendo riferimento alla formula fisica che rivoluzionò le modalità con cui si guarda e si studia l’uomo: E= mc2, l’energia equivale al prodotto tra la massa e il quadrato della velocità della luce. Dire che l’energia è uguale alla massa non vuol dire esclusivamente che gli elementi presenti in natura hanno una consistenza materiale bensì che questi elementi vibrano a determinate frequenze; visto che tutti gli elementi materiali sono energia, questi sono in grado di ricevere, conservare e trasmettere energia. Anzi, possiamo affermare che la natura di un determinato elemento può essere stabilità proprio dall’energia in sé, poiché questa contiene l’informazione che informa, vale a dire dà forma, alla materia. (Vedi Modello C.I.E.M.)
Le informazioni si trovano nel contesto ambientale che ci circonda e possono determinare lo stato di salute o di patologia; uno dei principali strumenti che permettono di veicolare e trasmettere energie e quindi anche informazione è per l’appunto il colore, tramite il quale si puà riportare in equilibrio qualsiasi tipo di squilibrio organico. C’è una corrispondenza biunivoca tra gli organi e i colori e la cromopuntura interviene sulle cellule malate, fornendo l’informazione di salute presente nel colore. Una volta che l’energia del colore vibra in maniera analoga a quella dell’organo, allora le molecole dell’organo corrispondente iniziano a vibrare in contemporanea, ripristinando e ricreando lo stato di salute e regolando l’informazione alterata che è alla radice del danno organico. Ecco spiegato perché la medicina contemporanea non può basarsi solo ed esclusivamente sui medicinali che curano la parte materiale della patologia ma deve prendere in considerazione l’impiego terapeutico dell’energia, che, come visto in precedenza, è materia.
Usando quindi i colori giusti, nelle aree giuste, e rispettando i principi della cromoterapia, si possono risolvere e curare diverse malattie. Il tutto nella maniera il meno invasiva possibile.
Di seguito, un elenco degli ambiti che rispondono particolarmente bene alla cromopuntura:

  • Sindromi da dolore come cefalee, artrosi, fibromialgie, artriti, lombalgie, cervicalgie e gonalgie
  • Area neuro-endocrina della donna, con un particolare focus sui problemi legati alle mestruazioni, alla menopausa, alla fertilità e alle disfunzioni sessuali
  • Condizioni stress correlate, come la depressione, l’esaurimento psico-fisico, disturbi di ansia e nervosismo

Mandel ha inventato la D.E.P.T (Diagnosi energetica dei punti terminali) secondo la quale ogni colore ha dei valori terapeutici collegati alle caratteristiche del colore in sé.cromopuntura-benessere-agopuntura

  • Il rosso è il colore del sangue, dell’amore e dell’ira; è il colore correlato al cuore, ai polmoni e ai muscoli. Rende dinamici e passionali.
  • Il blu è il colore dell’infinito e della tranquillità, infonde silenzio e riservatezza: ad esso corrispondono ipofisi e sistema endocrino.
  • Il giallo è il colore caldo per eccellenza: rinforza il sistema ghiandolare, incentiva le capacità cognitive; è correlato all’emisfero sinistro del cervello umano.
  • L’arancione è il colore dell’allegria edella serenità; viene solitamente impiegato per le terapie contro l’insufficienza cardiaca.
  • Il viola è il colore dello spirito: dona forza mentale e stimola il sistema linfatico.

La cromopuntura può ritornare utile a tutti coloro che vogliono prevenire il manifestarsi delle patologie e restare in buona salute ed è adatta a tutti, anche a bambini ed a persone anziane.

 

Bibliografia/Sitografia:

  • Croke M., Introducing esogetic colorpuncture: a wholistic system of acu-light therapy for body, mind & soul., Beginnings. 2002 Mar-Apr;22(2):10-1.
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11911071
  • Cocilovo A., Colored light therapy: overview of its history, theory, recent developments and clinical applications combined with acupuncture., Am J Acupunct. 1999;27(1-2):71-83
  • http://www.cure-naturali.it/cromopuntura/3600
  • Buoninconti G., Fondamenti di cromoterapia e cromopuntura. Il potere terapeutico dei colori e la sua energia vibrante, Booksprint, 2013
    Allanach Jack, Il colore che guarisce – Cromopuntura: nuova medicina della luce, Tecniche Nuove, Milano, 1999
  • Valnet Christian, Cromoterapia e potere dei colori, Edizioni R.E.I., 2015
  • Croke M., Bourne RD, A review of recent research studies on the efficacy of Esogetic Colorpuncture Therapy–A wholistic acu-light system, Am J Acupunct. 1999;27(1-2):85-94
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10513101
  • Bajpai RP, Drexel M., Effect of colorpuncture on spontaneous photon emission in a subject suffering from multiple sclerosis, J Acupunct Meridian Stud. 2008 Dec;1(2):114-20. doi: 10.1016/S2005-2901(09)60031-5
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20633463
  • Lines K., Colour therapy,Nurs Stand. 2006 Jan 25;20(20):32-33
  • https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27735429
    Peter Mandel, Manuale pratico di cromopuntura. Tecniche Nuove, 2000
  • Scalzo M., La Cromopuntura, 2014
    F.A.Popp – Coherent photon storage in biological systems. Electromagnetic Bioinformation (Wien-Baltimore), 1989
  • Primitivo Vincenzo, Cromopuntura: le frequenze dell’anima – Riflessioni sulla terapia con il colore secondo Peter Mandel, Edizioni L’Età dell’Acquario, Torino, 2015
  • Kriukov NN, Levin AV, Kulidzhanov AIu – Possibilities provided by chronopuncture in treatment of arterial hypertension in the young. Klin Med (Mosk), 2006