ACQUA UNA FONTE ESSENZIALE CON PROPRIETÀ TERAPEUTICHE

ACQUA UNA FONTE ESSENZIALE CON PROPRIETÀ TERAPEUTICHE

2019-03-04T10:44:56+00:00 4 Marzo 2019|

L’Acqua è un aiuto fisico, psichico e spirituale per il nostro organismo, giunge ad ogni più remota cellula o atomo o particella elementare portando informazioni cosmiche, attivazioni plasmatrici che vitalizzano la materia ricreando la risonanza con il respiro universale. Nella lettura dei messaggi di quest’acqua è la comprensione di chi siamo: leggi di Ordine e di Armonia governano e disciplinano l’aggregazione delle forme e i successivi stati di condensazione della materia.

La vibrazione, il movimento ondulatorio, vibratorio, spiraliforme che è la caratteristica comune di ogni cosa creata, è il parametro sui quale possiamo fondare la nostra ricerca per misurare, comparare, vedere le interrelazioni che esistono in una catena biologica.

Quando una frequenza è alterata in un tessuto, organo o ambiente ben presto chiama per risonanza altre alterazioni frequenziali e quando la disarmonia giunge e supera i valori soglia, tutto il sistema si ammala. La terapia in questi casi consiste nel riaccordare la corda stonata, la vibrazione alterata, mediante l’informazione della vibrazione corretta.

Questo modo nuovo e meravigliosamente innocuo per ripristinare l’equilibrio vitale si appresta ad essere messaggio di grandi speranze; se questa tecnica infatti si diffonderà nel mondo e se ne comprenderà il profondo significato spirituale, si ripristineranno contatti vitali fra cielo e terra fra spirito e materia e il fiume di vita fluirà senza ristagni e senza interferenze, riconducendo sulla terra il respiro e riportando al cosmo l’informazione della terra.

L’acqua si condensa nella materia, nella Terra ed evapora nell’aria, nel Cielo. Il suo facile cambiare di stato le permette di portare le informazioni che servono perché la vita segua il suo ritmico divenire; e il respiro del cosmo penetri nella terra e quello della terra ritorni al cosmo. Lo Yin e lo Yang si realizzano nell’Acqua. Sono informazioni racchiuse segretamente nei suoi elettroni, sotto forma di vibrazioni, di fotoni di luce, di frequenze che si arricchiscono di nuovi suoni, di altri colori, vortici di commistioni che formeranno le qualità dell’acqua.

L’acqua è simbolo dell’equilibrio energetico universale, poiché l’attività elettrica, Yang, maschile, propria dell’idrogeno, ben si sposa con l’attività magnetica, Yin femminile propria dell’ossigeno. E’ un unione antica che risale nella notte dei tempi, fra i capostipiti di due grandi famiglie, quella degli elementi metallici e quella degli elementi metalloidici.

L’Acqua è vita: il suo stato liquido, intermedio tra i solidi e i gas, duttile e mobile, libero da rigidità di forme, le permette di ricordare, di avere memoria dei suoi passaggi di stato, delle sue essenze profonde, spirituali e da ciò ne deriva la facile risonanza con le vibrazioni cosmiche, il facile assorbimento delle stesse. L’acqua si impregna facilmente di informazioni e muta il suo stato continuamente, cantando infinite melodie. E questo suo mutare, le permette di dare origine e plasmare le infinite forme di vita.

E questo accade anche nel corpo umano, infatti l’acqua scorre in noi cambiando continuamente vibrazione e, a seconda dei tessuti che irrora, si tinge di rosso, di verde, di giallo. Questi colori sono le frequenze degli Ioni di Ferro di Rame, di Calcio che muovono i potenziali di membrana attivando l’osmosi, lo scambio, il passaggio di quella dinamis, di quella forza vitale che si esprime infine nell’elettromagnetismo.

Nell’acqua i messaggi cosmici giungono alla terra alimentandola e nutrendola di quelle informazioni primordiali dove durante la notte, le sostanze metabolizzate dalle piante, dall’animale, dall’uomo portano le nostre informazioni direttamente al nostro organismo.

Non esiste alcuna possibilità di vita senza l’acqua: perché la dinamis vitale non fluisce più e le oscillazioni di potenziale che fanno vivere le cellule, cadono in quanto viene a mancare la ionizzazione, l’elettronizzazione e quindi la conducibilità. Non a caso l’acqua si riduce nel nostro organismo man mano che si avvicina la vecchiaia, aumenta la concentrazione dei depositi (calcoli) e la pressione osmotica nelle nostre cellule che si disidratano; e noi tendiamo a cristallizzarci, a perdere i nostri movimenti, a diventare basici.

L’acqua giunge all’uomo e informa ogni più intima particella di quei colori, di quei suoni che vibrano a frequenze infinite nei cieli, e che si modulano nello spazio e nel tempo divenendo più lente, più adeguate al nostro moto materiale. L’intelligenza attiva che crea e induce ogni trasformazione vitale è insita in ogni particella elementare, fotone di luce, rene o elettrone che sia di qualsiasi aggregato atomico o molecolare: una vibrazione, un suono, un colore che diventano un’infinità di vibrazioni, di suoni e di colori nella materializzazione delle forme, ma che non perdono mai i contatti e la risonanza con quel suono primordiale che li ha generati, da cui ricevono costantemente le leggi di ordine e di armonia per realizzarsi.

L’intervento terapeutico che miri a sanare o meglio ad aiutare l’organismo o il sistema a ritrovare il giusto equilibrio, deve tener conto di chi siamo e di come in contatto siamo con le cosmiche energie sottili che plasmano e rendono vitale la materia.

 

Fonte: Medcam  “Acqua, uso terapeutico millenario” Prof. Mohammad Natour Specialista in Ematologia, Esperto in Agopuntura, Omeopatia ed Iridologia

Autore:

Biologa specializzata in Scienze molecolari, cellulari e fisiopatologiche